Funzione Javascript

| | | | | | | |

Le funzioni JavaScript sono blocchi di codice personalizzati che possono essere riutilizzati. Le funzioni consentono al codice di essere più modulare e sono essenziali per la programmazione orientata agli oggetti. Le funzioni possono essere definite da istruzioni o espressioni.

Se stai cercando di imparare JavaScript e stai cercando di conoscere il nozioni di base, le funzioni JS sono sicuramente qualcosa che devi sapere. Se hai passato del tempo a lavorare con un linguaggio di programmazione, saprai che le funzioni sono gli elementi costitutivi di programmi complessi, ma potresti non sapere come funzionano. Le funzioni consentono di scrivere codice una volta per i processi comuni, invece di ripeterlo più volte.

Le funzioni sono blocchi di codice che eseguono un`azione e possono restituire un valore. Le funzioni possono essere personalizzate in base alle tue esigenze e possono essere utilizzate per rendere il tuo codice più efficiente e modulare

In questo tutorial esploreremo le funzioni di base:. Come definire una funzione, come chiamare una funzione e quando possono essere utili.

Come utilizzare la funzione di definizione di JavaScript

Ci sono due modi per definire una funzione JavaScript: attraverso dichiarazioni ed espressioni. Iniziamo con il metodo di dichiarazione per definire una funzione.

JavaScript dichiarazioni di funzioni

dichiarazioni di funzione definisce una funzione chiamata. Per definire questo tipo di funzione, è necessario iniziare il codice con la parola chiave della funzione , seguita dal nome della funzione. Ecco un esempio:

I nomi delle funzioni seguono le stesse regole delle variabili: possono usare, underscore, leers numeri e sono spesso scritti in casse di cammello. Quindi, dopo la variabile name , puoi includere una serie di parentesi, in cui possono essere mantenuti parametri facoltativi. Torneremo su questo più avanti nell`articolo.

Quindi, come un`istruzione or for if, il codice della funzione sarà tra parentesi graffe. Ecco un esempio di una funzione che stamperà Google sulla console:

All`interno di JS printGoogle() è presente un`istruzione console .log() che verrà eseguita quando viene chiamata la funzione . Ma non accadrà nulla finché non chiamiamo la funzione. Se vogliamo chiamare la funzione, possiamo usare questo codice:

Ora uniremo il nostro codice in un`unica funzione, quindi chiamiamola:

L`output di questa funzione sarà Google. printGoogle() restituirà il risultato quando chiamato, in questo caso sull`ultima riga

Ora il nostro codice di stampa è attivo, possiamo eseguirlo tutte le volte che vogliamo chiamando la funzione printGoogle() .

JavaScript funzione di espressione

Un altro modo per dichiarare una funzione è creare un`espressione di funzione. Possiamo farlo assegnando una funzione a una variabile

Let & rsquo ;. S usa lo stesso esempio sopra. Invece di dichiarare la funzione stessa, possiamo invece assegnarla a una variabile. Ecco un esempio:

Per chiamare questa espressione, aggiungiamo la riga di codice google() per ogni volta che vogliamo che l`espressione venga eseguita.

Ora che conosciamo i due modi in cui possiamo dichiarare una funzione, possiamo esplorare come personalizzare quella funzione di programmazione. Nel nostro codice sopra, abbiamo creato una funzione che stampa Google sulla console.

Per stampare un altro nome, come Facebook, dobbiamo cambiare il codice. Se vogliamo che gli utenti che visitano il nostro sito Web inseriscano il nome della loro attività commerciale preferito e lo stampino sulla console, la nostra funzione non funzionerebbe.

Quindi dobbiamo utilizzare i parametri. Se aggiungiamo un parametro name alla nostra funzione JS, possiamo stampare un nome sulla console tramite la nostra funzione. Ecco un esempio:

Il nome della funzione è printCompany() e il nostro parametro si chiama name. Il parametro può quindi essere chiamato nella funzione JavaScript. Nell`esempio sopra, stiamo usando il parametro name per cambiare ciò che verrà stampato sulla riga di codice console.log()

Ma non abbiamo ancora definito il nostro nome. Per definire il parametro, dobbiamo assegnare un valore quando chiamiamo la nostra funzione JavaScript. Diciamo la tua attività preferita è Snapchat. Chiameremo la funzione e inseriremo il nome dell`azienda come argomento all`interno della chiamata di funzione.

Ecco un esempio:

Quando eseguiamo questo codice, verrà stampato quanto segue:

nel ns esempio chiamiamo la funzione usando printCompany(), quindi denominarla tra parentesi. Quindi, ora possiamo riutilizzare la nostra funzione più volte con nomi diversi.

Va notato che puoi usare tutti i parametri che vuoi e farvi riferimento in ordine. Useremo un esempio che mostra in azione di seguito.

Valori di ritorno ‚Äã‚Äã

Nei nostri esempi finora, non abbiamo restituito alcun valore. Invece di questo, abbiamo stampato il testo sulla console. Ma, con una funzione, possiamo assegnare parametri da elaborare e quindi restituire un valore basato su ciò che è nella dichiarazione return.

Ecco un esempio di una funzione che aggiunge due cifre e ci dà il totale:

In questo programma, la nostra funzione viene chiamata e due numeri vengono passati dalla funzione. Quando questa funzione viene eseguita, nell`ultima riga del nostro esempio precedente, riceveremo in cambio la risposta 3. Il nostro elenco di parametri è separato da virgole

Il programma ha aggiunto 1 e 2, con i nomi dei parametri first e seconds e li restituisce al codice per vedere questi valori, possiamo aggiungere un console.log() intorno alla riga dove chiamiamo addNumbers (1, 2).

funzioni sotto

In ECMAScript 6, esiste un modo più conciso per definire le funzioni note come funzione freccia . Questi sono rappresentati dalla seguente espressione:. =>

Queste funzioni sono un tipo di espressione di funzione. Facciamo un esempio per mostrare le funzioni di direzione in azione:

Invece di scrivere , possiamo usare il segno della freccia per indicare che stiamo proclamando una funzione. Esistono alcune sottili differenze tra le funzioni di direzione e le funzioni regolari, ma non è necessario conoscerle per la maggior parte dei casi d`uso.

, non hai bisogno di parentesi intorno a loro. E, se non lavori con nessuna variabile, dovresti includere una serie di parentesi vuote () dove le tue variabili sarebbero dichiarate .